Puccini, Butterfly

tragedia giapponese in tre atti

libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa
(da John L. Long e David Belasco)

musica di Giacomo Puccini

Personaggi

Cio-Cio-San
Suzuki, servente di Cio-Cio-San
F.B. Pinkerton, tenente della Marina degli U.S.A.
Kate Pinkerton, sua moglie
Sharpless, Console degli U.S.A. a Nagasaki
Goro, nakodo
Il Principe Yamadori
Lo Zio Bonzo
Yakusidé
Il Commissario Imperiale
L'Ufficiale del registro
La Madre di Cio-Cio-San
La Cugina
Dolore
Parenti, Amici ed Amiche di Cio-Cio-San, Servi


A Nagasaki - Epoca presente

ATTO PRIMO

Collina presso Nagasaki.
Casa giapponese, terrazzo e giardino.
In fondo, al basso, la rada, il porto, la città di Nagasaki.
Pinkerton e Goro.
Goro fa visitare la casa a Pinkerton, che passa di sorpresa in sorpresa.

Pinkerton
E soffitto... e pareti...

Goro (godendo delle sorprese)
Vanno e vengono a prova,
a norma che vi giova
nello stesso locale
alternar nuovi aspetti ai consueti.

Pinkerton (cercando intorno)
Il nido nuzial dov'è?

Goro (accennando a due locali)
Qui, o là!... secondo...

Pinkerton
Anch'esso a doppio fondo!
La sala?

Goro (mostra la terrazza)
Ecco!

Pinkerton (stupito)
All'aperto?...

Goro (mostrando il chiudersi d'una parete)
Un fianco scorre...

Pinkerton
Capisco! Un altro...

Goro
Scivola!

Pinkerton
E la dimora frivola...

Goro (protestando)
Salda come una torre
da terra fino al tetto.
Pinkerton
È una casa a soffietto.

Goro
(batte tre volte le mani palma a palma: entrano due uomini ed una donna e si genuflettono innanzi a Pinkerton)
Questa è la cameriera
(accennando)
che della vostra sposa
fu già serva amorosa.
Il cuoco - il servitor.
Sono confusi del grande onore.

Pinkerton
I nomi?

Goro (presentando)
Miss Nuvola leggiera. -
Raggio di sol nascente. - Esala aromi.

Suzuki (fatta ardita)
Sorride Vostro Onore? -
Il riso è frutto e fiore.
Disse il savio Ocunama:
dei crucci la trama
smaglia il sorriso.
Schiude alla perla il guscio,
apre all'uomo l'uscio
del Paradiso.
Profumo degli Dei...
Fontana della vita...

(Goro accorgendosi che Pinkerton comincia ad essere infastidito dalla loquela di Suzuki, batte tre volte le mani. - I tre si alzano e fuggono rapidamente rientrando in casa)

Pinkerton
A chiacchiere costei
mi par cosmopolita.
(a Goro andato in fondo ad osservare)
Che guardi?

Goro
Se non giunge ancor la sposa.

Pinkerton
Tutto è pronto?

Goro
Ogni cosa.

Pinkerton
Gran perla di sensale!

Goro (ringrazia con profondo inchino)
Qui verran: l'Ufficiale
del registro, i parenti, il vostro Console,
la fidanzata. Qui si firma l'atto
e il matrimonio è fatto.

Pinkerton
E son molti i parenti?

Goro
La suocera, la nonna, lo zio Bonzo
(che non ci degnerà di sua presenza)
e cugini! e cugine...
Mettiam fra gli ascendenti
ed i collaterali, un due dozzine.
Quanto alla discendenza...
(con malizia ossequiosa)
provvederanno assai
Vostra Grazia e la bella Butterfly.
(si ode la voce di Sharpless il Console, che sale il colle)

La voce di Sharpless (un po' lontano)
E suda e arrampica!
e sbuffa e inciampica!
- Erta letale!

Goro (che è accorso al fondo, annuncia a Pinkerton)
- Il Consol sale.

Sharpless (appare sbuffando: Goro si prosterna al Console)
Ah!... quei viottoli
irti di ciottoli
m'hanno sfiaccato!

Pinkerton (va incontro a Sharpless - i due si stringono la mano)
Bene arrivato.

Sharpless
Ouff!

Pinkerton
Presto Goro,
qualche ristoro.

(Goro entra in casa frettoloso)

Sharpless (guardandosi intorno)
Alto.

Pinkerton (mostrandogli il panorama)
Ma bello!

Sharpless (contemplando il mare e la città sottoposti)
Nagasaki, il mare!
il porto...

Pinkerton (accennando alla casa)
e una casetta
che obbedisce a bacchetta.

Sharpless
Vostra?

Pinkerton
La comperai
per novecento novantanove anni,
con facoltà, ogni mese,
di rescindere i patti.
Sono in questo paese elastici
del par, case e contratti.

Sharpless
E l'uomo esperto ne profitta.

Pinkerton
(Goro viene frettoloso dalla casa, seguito da due servi che portano bicchieri, bottiglie e due poltrone di vimini: depongono bicchieri e bottiglie su di un piccolo tavolo)
Certo.
Dovunque al mondo il Yankee vagabondo
si gode e traffica
sprezzando i rischi.
Affonda l'áncora alla ventura
finché una raffica...
(Pinkerton s'interrompe per offrire da bere a Sharpless)
Milk, Punch, o Wiskey?
(riprende)
... scompigli nave, ormeggi, alberatura.
La vita ei non appaga
se non fa suo tesor
le stelle d'ogni cielo
i fiori d'ogni plaga,
d'ogni bella gli amor.

Sharpless
È un facile vangelo
che fa la vita vaga
ma che intristisce il cuor.

Pinkerton (continuando)
Vinto si tuffa e la sorte racciuffa.
Il suo talento
fa in ogni dove.
Così mi sposo all'uso giapponese
per novecento
novantanove
anni. Salvo a prosciogliermi ogni mese.
"America for ever!"

Sharpless
Ed è bella
la sposa?

Goro (che ha udito, si avanza premuroso ed insinuante)
Una ghirlanda
di fiori freschi. Una stella
dai raggi d'oro.
E per nulla: sol cento
Yen.
(al Console)
Se Vostra Grazia mi comanda
ce n'ho un assortimento.

(il Console ridendo, ringrazia)

Pinkerton (con viva impazienza)
Va, conducila Goro.

(Goro corre in fondo e scompare discendendo il colle: i due servi rientrano in casa. Pinkerton e Sharpless siedono)

Sharpless
Quale smania vi prende!
Sareste addirittura
cotto?

Pinkerton
Non so! Non so! Dipende
dal grado di cottura!
Amore o grillo - donna o gingillo
dir non saprei. - Certo costei
m'ha coll'ingenue - arti invescato.
Lieve qual tenue - vetro soffiato,
alla statura - al portamento
sembra figura - da paravento.
Ma dal suo lucido - fondo di lacca
come con subito - moto si stacca,
qual farfalletta - svolazza e posa
con tal grazietta - silenziosa
che di rincorrerla - furor m'assale
se pure infrangerne - dovessi l'ale.

Sharpless (seriamente e bonario)
Ier l'altro, il Consolato
sen' venne a visitar!
Io non la vidi, ma l'udii parlar.
Di sua voce il mistero
l'anima mi colpì.
Certo quando è sincer
l'amor parla così.
Sarebbe gran peccato
le lievi ali strappar
e desolar forse un credulo cuor.
Quella - divina
mite - vocina
non dovrebbe dar note di dolor.

Pinkerton
Console mio garbato,
quetatevi! Si sa,
la vostra età è di flebile umor.
Non c'è gran male
s'io vo quell'ale
drizzare ai dolci voli dell'amor!
(offre di nuovo da bere)
Wiskey?

Sharpless
Un altro bicchiere.
(Pinkerton colma anche il proprio bicchiere)
Bevo alla vostra famiglia lontana.

Pinkerton (leva il calice)
E al giorno in cui mi sposerò con vere
nozze, a una vera sposa... americana.

Goro (riappare correndo, venendo dal basso della collina)
Ecco! Son giunte al sommo del pendio.
(accennando verso il sentiero)
Già del femmineo sciame
qual di vento in fogliame
s'ode il brusìo.

(Su dal sentiero si avvicina un confuso e gaio gridìo. Pinkerton e Sharpless si levano in piedi)

Voce di Butterfly
Ancora un passo, or via.

Altre voci
Come sei tarda!
- Ecco la vetta.
- Aspetta.
- Guarda, guarda.

Voce di Butterfly
Spira sul mare e sulla
terra un primaveril soffio giocondo.
Io sono la fanciulla
più lieta del Giappone, anzi del mondo.
Dalle vie, dalle ville
la città colle mille
sue voci mi saluta.
Amiche, io son venuta
al richiamo d'amor
nelle gaudiose soglie
ove tutto s'accoglie
il bene di chi vive e di chi muor.

Le amiche
Gioia a te sia,
dolce amica, ma pria
di varcare la soglia che ti attira
volgiti indietro e mira
le cose tutte che ti son sì care.
Quanti fior! Quanto cielo! Quanto mare!

Sharpless
O allegro cinguettar di gioventù!

(Appaiono, superato il pendìo della collina, Butterfly colle amiche, tutte hanno grandi ombrelli aperti a vivi colori)

Butterfly
Siam giunte.
(vede il gruppo dei tre uomini e riconosce Pinkerton. Chiude subito l'ombrello e pronta addita Pinkerton alle amiche)
F.B. Pinkerton. Giù.

(si genuflette)

Le amiche (chiudono gli ombrelli e si genuflettono)
Giù.

(poi tutte si alzano e si avvicinano a Pinkerton, cerimoniosamente)

Butterfly
Gran ventura.

Le amiche
Riverenza.

Pinkerton (sorridendo)
È un po' dura la scalata?

Butterfly
A una sposa
costumata
più penosa
l'impazienza.

Pinkerton (un po' derisorio)
Molto raro
complimento.

Butterfly (ingenua)
Dei più belli
ancor ne ho.

Pinkerton (rincalzando)
Dei gioielli!

Butterfly (volendo sfoggiare il suo repertorio di complimenti)
Se vi è caro
sul momento...

Pinkerton
Grazie - no.

Sharpless (ha osservato prima curiosamente il gruppo delle fanciulle, poi si è avvicinato a Butterfly, che lo ascolta con attenzione)
Miss Butterfly. Bel nome che vi sta a meraviglia. Siete di Nagasaki?

Butterfly
Signor sì. Di famiglia
assai prospera un tempo.
(alle amiche)
Verità?

Le amiche (approvando premurose)
Verità!

Butterfly
Nessuno si confessa mai nato in povertà,
non c'è vagabondo che a sentirlo non sia
di gran prosapia. Eppure senza millanteria conobbi la ricchezza. Ma il turbine rovescia
le quercie più robuste - e abbiam fatto la ghescia
per sostentarci. (alle amiche) Vero?

Le amiche (confermano)
Vero!

Butterfly
Non lo nascondo,
né m'adonto.
(vedendo che Sharpless sorride)
Ridete? Perché?... Cose del mondo.

Pinkerton (ha ascoltato con interesse e si rivolge a Sharpless )
(Con quel fare di bambola quando parla m'infiamma.)

Sharpless (anch'esso interessato dalle chiacchiere di Butterfly, continua ad interrogarla)
E ci avete sorelle?

Butterfly
Non Signore. Ho la mamma.

Goro (con importanza)
Una nobile dama.

Butterfly
Ma, senza farle torto
povera molto anch'essa.

Sharpless
E vostro padre?

Butterfly (si arresta sorpresa - poi secco secco risponde:)
Morto!

(Le amiche chinano la testa. Goro è imbarazzato. Tutte si sventolano nervosamente coi ventagli)

Sharpless (ritornando presso Butterfly)
Quanti anni avete?

Butterfly (con civetteria quasi infantile)
Indovinate.

Pinkerton
Dieci.

Butterfly
Crescete.

Sharpless
Venti.

Butterfly
Calate.
Quindici netti, netti;
sono vecchia diggià.

Sharpless
Quindici anni! L'età
dei giuochi...

Pinkerton
e dei confetti.

Goro (che ha veduto arrivare dal fondo altre persone e le ha riconosciute, annuncia con importanza:)
L'Imperial Commissario, l'Ufficiale
del Registro - i congiunti.

Pinkerton (a Goro)
Fate presto.

(Goro corre in casa)

(Dal sentiero in fondo si vedono salire e sfilare i parenti di Butterfly; questa va loro incontro, insieme alle amiche; grandi saluti, riverenze; i parenti osservano curiosamente i due americani. Pinkerton ha preso sottobraccio Sharpless e, condottolo da un lato, gli fa osservare, ridendo, il bizzarro gruppo dei parenti)

Pinkerton (osserva commentando)
Che burletta la sfilata
della nova parentela,
tolta in prestito, a mesata.
Certo dietro a quella vela
di ventaglio pavonazzo,
la mia suocera si cela.
E quel coso da strapazzo
che fa salti da ranocchio
è lo zio briaco e pazzo.
Manco male anche il marmocchio,
lustro giallo e grassottino.
Or complottano, stretti a crocchio,
e mi ponzano l'inchino.

Sharpless (a Pinkerton)
Pinkerton fortunato
che in sorte v'è toccato
un fior pur or sbocciato!
Non più bella e d'assai
fanciulla io vidi mai
di questa Butterfly.
How-exiting! Giudizio:
o il pseudo sposalizio
vi mena al precipizio.
E se a voi sembran fede
il patto e la sua fede
badate!... Ella ci crede.

(accenna a Butterfly)

Alcuni parenti
Dov'è? dov'è?

Butterfly (indicando Pinkerton)
Eccolo là!

Una cugina
In verità
bello non è.

Butterfly (offesa)
Bello è così
che non si può
sognar di più.

La madre di Butterfly
Mi pare un re!
Lo zio Yakusidé
Vale un Perù.

Una cugina
Goro l'offrì
pur anche a me.
Ma s'ebbe un no!

Butterfly (sdegnosa)
Sì, giusto tu!

Alcuni amici ed alcune amiche
Ecco, perché
prescelta fu,
vuol far con te
la soprappiù.

Altre amiche
La sua beltà
già disfiorì.

Cugini e cugine
Divorzierà.

Altri
Spero di sì.

Goro
Per carità
tacete un po'...
chi vi insegnò
la civiltà?

La madre di Butterfly e alcune Cugine
Oh quella lì
non smette più.

Goro
Stoltezza fu
condurla qui.

Lo zio Yakusidé
Vino ce n'è?

La madre e la zia
Guardiamo un po'!

Alcune amiche
Ne vïdi già
color di thè,
e chermisi!
Lo zio Yakusidé
Se ne berrò!

Il bambino
E chicche?

Sua madre
Sì.

Il bambino (gongolante)
Curucucu!

Butterfly (a sua madre)
Mamma, vien qua.
(agli altri)
Badate a me:
attenti, orsù,
uno - due - tre
e tutti giù.

(Al cenno di Butterfly tutti si inchinano innanzi a Pinkerton ed a Sharpless)

(I parenti si rialzano e si spargono nel giardino: Goro ne conduce qualcuno all'interno della casa. Pinkerton prende per mano Butterfly e la conduce verso la casa)

Pinkerton
Vieni, amor mio! Tu piace la casetta?

Butterfly (alzandosi)
Signor F. B. Pinkerton, perdono...
(mostra le mani e le braccia che sono impacciate dalle maniche rigonfie)
Io vorrei... pochi oggetti
da donna...

Pinkerton
Dove sono?

Butterfly (indicando le maniche)
Sono qui - vi dispiace?

Pinkerton (un po' sorpreso, sorride... poi subito acconsente, con galanteria)
O perché mai,
mia bella Butterfly!?

Butterfly (a man mano cava dalle maniche gli oggetti e li depone sopra uno sgabello)
Fazzoletti. - La pipa. - La cintura.
Un piccolo fermaglio.
Uno specchio. - Un ventaglio.

Pinkerton (vede un vasetto)
Quel barattolo?

Butterfly
Un vaso di tintura.

Pinkerton
Ohibò!

Butterfly
Vi spiace?...
(lo getta)
Via!
Pettini.

(trae un astuccio lungo e stretto)

Pinkerton
E quello?

Butterfly (molto seria)
Cosa sacra e mia.

Pinkerton
E non si può veder?

Butterfly (supplichevole e grave)
C'è troppa gente.
Perdonate.

(e depone l'astuccio con gran rispetto)

Goro (intanto si è avvicinato e dice all'orecchio di Pinkerton:)
È un presente
del Mikado a suo padre... coll'invito...

(e fa il gesto di chi s'apre il ventre)

Pinkerton
E... suo padre?

Goro
Ha obbedito.

(s'allontana, mescolandosi agli invitati)

Butterfly (leva dalle maniche alcune statuette e le mostra a Pinkerton:)
Gli Ottoké.

Pinkerton (ne prende una e la esamina con curiosità)
Quei pupazzi?... Avete detto?

Butterfly
Son l'anime degli avi.

Pinkerton
Ah!... il mio rispetto.

(e depone le statuette presso le altre)

Butterfly (trae Pinkerton in disparte e con tenera e rispettosa confidenza gli dice:)
Ieri sono salita
tutta sola in secreto alla Missione.
Colla nuova mia vita
posso adottare nuova religione.
Lo zio Bonzo nol sa,
né i miei lo sanno. Io seguo il mio destino
e piena d'umiltà
al Dio del signor Pinkerton m'inchino.
È mio destino.
Nella stessa chiesetta in ginocchio con voi
pregherò lo stesso Dio.
E per farvi contento
potrò forse obliar la gente mia.
(si getta nelle braccia di Pinkerton)
Amore mio!

(Si arresta come avesse paura d'essere stata udita dai parenti. Intanto Goro ha aperto lo shosi; nella stanza doue tutto è pronto per il matrimonio, si trovano Sharpless e le autorità. Butterfly entra nella casa e si inginocchia; Pinkerton è in piedi vicino a lei - i parenti sono nel giardino, rivolti verso la casa, inginocchiati)

Goro
Tutti zitti!

Il Commissario Imperiale (legge)
È concesso al nominato
Benjamin Franklin Pinkerton,
Luogotenente nella cannoniera
Lincoln, marina degli Stati Uniti
America del Nord:
ed alla damigella Butterfly
del quartiere di Omara-Nagasaki,
di unirsi in matrimonio, per diritto
il primo, della propria volontà,
ed ella per consenso dei parenti
qui testimoni all'atto.

(porge l'atto per la firma)

(Le amiche si avvicinano, complimentose, a Butterfly, alla quale fanno ripetuti inchini)

Le amiche
Madama Butterfly!

Butterfly (facendo cenno con la mano, alza un dito e corregge:)
Madama F.B. Pinkerton.

(Le amiche festeggiano Butterfly, che ne bacia qualcuna; intanto l'Ufficiale dello Stato Civile ritira l'atto e avverte il Commissario che è tutto finito)

Il Commissario Imperiale (saluta Pinkerton)
Auguri molti.

Pinkerton
I miei ringraziamenti.

Il Commissario Imperiale (si avvicina al
Console)
Il signor Console scende?

Sharpless
L'accompagno.
(saluta Pinkerton)
Ci vedrem domani.

Pinkerton
A meraviglia.

Ufficiale (congedandosi da Pinkerton)
Posterità.

Pinkerton
Mi proverò.

(Il Console, il Commissario Imperiale e l'Ufficiale del Registro si avviano per scendere alla città)
Sharpless (ritorna indietro e con accento significativo dice a Pinkerton):
Giudizio!

(Pinkerton con un gesto lo rassicura e lo saluta con la mano. Sharpless scende pel sentiero; Pinkerton che è andato verso il fondo lo saluta di nuovo)

Pinkerton (ritorna innanzi e stropicciandosi le mani dice fra sé:)
(Ed eccoci in famiglia).
(I servi portano delle bottiglie di Saki e distribuiscono i bicchieri agli invitati)
Sbrighiamoci al più presto - in modo onesto.
(brindando con gli invitati)
Hip! hip!

Tutti
O Kami! O Kami!

Pinkerton
E beviamo ai novissimi legami.

Tutti
O Kami! O Kami!

(I brindisi sono interrotti da strane grida che partono dal sentiero della collina)

Lo zio Bonzo
Cio-Cio-San!... Cio-Cio-San!... Abbominazione!

Goro (infastidito dalla venuta del Bonzo)
Un corno al guastafeste!
Chi ci leva d'intorno
le persone moleste?...

(a cenno ai servi di asportare tavolini, sgabelli, cuscini e prudentemente se ne parte adiratissimo, borbottando)

Tutti (impauriti, si raccolgono in un angolo balbettando)
Lo zio Bonzo!

(Pinkerton, che si era alzato per guardare la strana figura, ridendo, si lascia di nuovo andare sulla poltrona)

Lo zio Bonzo (a Butterfly, che s'è scostata da tutti)
Che hai
tu fatto alla Missione?

Pinkerton
Che mi strilla quel matto?

Lo zio Bonzo
Rispondi, che hai tu fatto?

Tutti
Rispondi, Cio-Cio-San!

Lo zio Bonzo
Come, hai tu gli occhi asciutti?
Son questi dunque i frutti? (urlando)
Ci ha rinnegato tutti!

Tutti
Hou! Cio-Cio-San!

Lo zio Bonzo
Rinnegato, vi dico,
degli avi il culto antico.

Tutti
Hou! Cio-Cio-San!

(Butterfly si copre il viso vergognosa)

Lo zio Bonzo (gridando sul viso di Butterfly)
All'anima tua guasta
qual supplizio sovrasta!

(La madre s'interpone per difendere Butterfly; ma il Bonzo la respinge brutalmente. - Pinkerton infastidito, si alza e grida al Bonzo:)

Pinkerton
Ehi, dico: basta, basta!
(alla voce di Pinkerton il Bonzo si arresta stupefatto!... poi con subita soluzione invita i parenti e le amiche a partire)

Lo zio Bonzo
Venite tutti. - Andiamo!
(a Butterfly)
Ci hai rinnegato e noi...

Tutti
Ti rinneghiamo!

Pinkerton (autorevolmente)
Sbarazzate all'istante. In casa mia
niente baccano e niente bonzeria.

(Tutti, parenti, amiche, il Bonzo, partono in gran fretta, scendendo la collina e continuando a strillare e imprecare contro Butterfly. - Le voci a poco a poco si allontanano. - Butterfly che stette sempre immobile e muta colla faccia nelle mani, scoppia in pianto infantile. - Comincia poco a poco a calare la sera: poi notte serena e stellata)

Pinkerton (va presso Butterfly e con delicatezza le toglie le mani dal viso)
Bimba, bimba, non piangere
per gracchiar di ranocchi.

Butterfly (udendo ancora le grida dei parenti, si tura colle mani le orecchie)
Urlano ancor!

Pinkerton (rincorandola)
Tutta la tua tribù
e i Bonzi tutti del Giappon non valgono
il pianto di quegli occhi
cari e belli.

Butterfly (sorridendo infantilmente)
Davver? Non piango più.
E quasi del ripudio non mi duole
per le vostre parole
che mi suonan così dolci nel cor.

(si china per baciare la mano a Pinkerton)

Pinkerton (sorpreso a quell'atto, dolcemente lo impedisce)
Che fai?... la man?...

Butterfly
Mi han detto
che laggiù fra la gente costumata
è questo il segno del maggior rispetto.

Pinkerton (si sente un sordo bisbiglio)
Chi brontola lì fuori?

Butterfly
È Suzuki che fa la sua preghiera seral.

Pinkerton (attirandola)
Viene la sera...

Butterfly
e l'ombra e la quiete.

Pinkerton
E sei qui sola.

Butterfly
Sola e rinnegata!
Rinnegata e felice!

Pinkerton (ha battuto le mani, ed i servi sono accorsi)
A voi, chiudete.

Butterfly (mentre i servi chiudono le pareti che danno sul terrazzo)
Sì, sì, noi tutti soli...
E fuori il mondo.

Pinkerton (ridendo)
E il Bonzo furibondo.

Butterfly (a Suzuki, che è venuta coi servi e sta aspettando gli ordini)
Suzuki, le mie vesti.

(Suzuki fruga in un cofano di lacca, mentre Pinkerton guarda i servi che stanno tramutando parte del terrazzo in una camera)

Suzuki (a Butterfly, dopo averle dato gli abiti per la notte ed un cofanetto con l'occorrente per la toeletta)
Buona notte.

(fa una riverenza)

(Pinkerton batte le mani; Suzuki e i servi corrono via. Butterfly si reca in un angolo al fondo e fa cautelosamente la sua toeletta da notte, levandosi la veste nuziale ed indossandone una tutta bianca. Pinkerton la guarda dondolandosi sulla poltrona e prendendo una sigaretta guarda Butterfly che è intenta ad acconciarsi)
Butterfly
Quest'obi pomposa
di scioglier mi tarda
si vesta la sposa
di puro candor.
Tra motti sommessi
sorride e mi guarda.
Celarmi potessi!
ne ho tanto rossor!
E ancor dentro l'irata
voce mi maledice...
Butterfly... rinnegata -
Rinnegata... e felice.

Pinkerton
Con moti di scoiattolo
i nodi allenta e scioglie!...
Pensar che quel giocattolo
è mia moglie. Mia moglie!
Se ne ricerco piena
la forma, in lei ravviso
quanto di donna appena
basta a fare un sorriso.
Ma tale mulïebre
grazia dispiega, ch'io
mi struggo per la febbre
d'un subito desìo.

(andando verso Butterfly; la solleva e si avvia con essa sul terrazzo esterno)

Bimba dagli occhi pieni di malìa,
ora sei tutta mia.
Sei tutta vestita di giglio.
Mi piace la treccia tua bruna
fra candidi veli...

Butterfly (scendendo dal terrazzo)
Somiglio
la Dea della luna,
la Dea della luna che scende
la notte dal ponte del ciel...

Pinkerton (la segue)
E affascina i cuori...

Butterfly
E li prende,
li avvolge in un bianco mantel.
E via se li reca al diletto
suo nido, negli alti reami.
Pinkerton
Ma intanto finor non l'hai detto,
ancor non m'hai detto che m'ami.
Le sa quella Dea le parole
che appagan gli ardenti desir?

Butterfly
Le sa. Forse dirle non vuole
per tema d'averne a morir!

Pinkerton
Stolta paura, l'amor non uccide
ma dà vita, e sorride
per gioie celestiali
come ora fa nei tuoi lunghi occhi ovali.

(avvicinandosi a Butterfly e accarezzandole il viso)

Butterfly (con subito movimento si ritrae dalla carezza ardente di Pinkerton)
Adesso voi
siete per me l'occhio del firmamento.
E mi piaceste dal primo momento
che vi ho veduto. - Siete
alto, forte. - Ridete
con modi sì palesi!
E dite cose che mai non intesi.
Or son contenta. - Vogliatemi bene
un bene piccolino,
un bene da bambino
quale a me si conviene.
Noi siamo gente avvezza
alle piccole cose
umili e silenziose,
ad una tenerezza
sfiorante e pur profonda
come il ciel, come l'onda
lieve e forte del mare.

Pinkerton
Dammi ch'io baci le tue mani care.
(prorompe con grande tenerezza)
Mia Butterfly!... come t'han ben nomata
tenue farfalla...

Butterfly (a queste parole si rattrista e ritira le mani)
Dicon ch'oltre mare
se cade in man dell'uom, ogni farfalla
da uno spillo è trafitta
ed in tavola infitta!
Pinkerton (riprendendole dolcemente le mani e sorridendo)
Un po' di vero c'è.
E tu lo sai perché?
Perché non fugga più.
(abbracciandola)
Io t'ho ghermita...
Ti serro palpitante.
Sei mia.

Butterfly (abbandonandosi)
Sì, per la vita.

Pinkerton
Vieni, vieni.

Butterfly (titubante)
Un istante...

Pinkerton
Via dall'anima in pena
l'angoscia paurosa.
(indicando a Butterfly il cielo stellato)
Guarda: è notte serena!
Guarda: dorme ogni cosa!

Butterfly
Dolce notte! Quante stelle!
Non le vidi mai sì belle!
Trema, brilla ogni favilla
col baglior d'una pupilla.
Oh! quanti occhi fisi,
attenti d'ogni parte a riguardare!
Lungi, via pei firmamenti,
via pei lidi, via pel mare,
quanti fiammei sguardi pieni
d'infallibile languor!
Tutto estatico d'amor
ride il cielo...

Pinkerton (con cupido amore)
Vieni, vieni!..

(Butterfly e Pinkerton entrano nella camera nuziale)

FINE DELL'ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

Interno della casetta di Butterfly.

Suzuki prega, raggomitolata davanti all'immagine di Budda: suona di quando in quando la campanella della preghiera. Butterfly sta ritta ed immobile presso un paravento.

Suzuki (pregando)
E Izaghi ed Izanami
Sarundasico e Kami... (interrompendosi)
Ah! la mia testa!
(suona la campanella per richiamare l'attenzione dei Numi)
E tu
Ten-Sjoo-daj!
(guardando Butterfly)
Fate che Butterfly
non pianga più, mai più, mai più.

Butterfly
Pigri ed obesi
son gli Dei Giapponesi.
L'americano Iddio son persuasa,
ben più presto risponda chi l'implori.
Ma temo ch'egli ignori
che noi stiam qui di casa.
(rimane pensierosa, poi si rivolge a Suzuki che si è alzata in piedi ed ha aperto la parete verso il giardino)
Suzuki, è lungi la miseria?

Suzuki (apre un piccolo mobile e vi prende poche monete mostrandole a Butterfly)
Questo
l'ultimo fondo.

Butterfly
Questo? Oh! Troppe spese!

Suzuki (ripone il danaro e chiude il piccolo mobile, mentre sospirando dice:)
S'egli non torna e presto,
siamo male in arnese.

Butterfly (decisa)
Ma torna.

Suzuki (crollando il capo)
Tornerà!

Butterfly (indispettita a Suzuki)
Perché dispone
che il Console provveda alla pigione,
rispondi, su!
Perché con tante cure
la casa rifornì di serrature,
s'ei non volesse ritornar mai più?

Suzuki
Non lo so.

Butterfly (meravigliata a tanta ignoranza)
Non lo sai?
(con orgoglio)
Io te lo dico. Per tener ben fuori
le zanzare, i parenti ed i dolori
e dentro, con gelosa
custodia, la sua sposa
che son io: Butterfly.

Suzuki (poco convinta)
Mai non s'è udito
di straniero marito
che sia tornato al nido.

Butterfly (furibonda)
Taci, o t'uccido.
(insistendo nel persuadere Suzuki)
Quell'ultima mattina:
tornerete signor? - gli domandai.
Egli col cuore grosso,
per celarmi la pena
sorridendo rispose:
(cerca di imitare Pinkerton)
O Butterfly
piccina mogliettina,
tornerò colle rose
alla stagion serena,
quando fa la nidiata il pettirosso.
(calma e convinta)
E tornerà.

Suzuki (con incredulità)
Speriam.

Butterfly (insistendo)
Dillo con me:
Tornerà.
Suzuki (per compiacerla)
Tornerà...

(poi si mette a piangere)

Butterfly (sorpresa)
Piangi? Perché?
Ah, la fede ti manca!
(poi continua fiduciosa e sorridente)
Senti. - Un bel dì, vedremo
levarsi un fil di fumo sull'estremo
confin del mare.
E poi la nave appare.
E poi la nave è bianca.
Entra nel porto, romba il suo saluto.
Vedi? E venuto!
Io non gli scendo incontro. Io no. Mi metto
là sul ciglio del colle e aspetto, aspetto
gran tempo e non mi pesa
la lunga attesa.
E... uscito dalla folla cittadina
un uom, un picciol punto
s'avvia per la collina.
Chi sarà? chi sarà?
E come sarà giunto?
che dirà? che dirà?
Chiamerà Butterfly dalla lontana.
Io senza far risposta
me ne starò nascosta
un po' per celia, un po' per non morire
al primo incontro, ed egli alquanto in pena chiamerà, chiamerà:
"Piccina mogliettina
olezzo di verbena",
i nomi che mi dava al suo venire.
(a Suzuki)
Tutto questo avverrà, te lo prometto.
Tienti la tua paura - io con sicura
fede l'aspetto.

(congeda Suzuki)

(Suzuki esce dalla porta di sinistra. Butterfly la segue mestamente collo sguardo)

(Nel giardino compaiono Mr. Sharpless e Goro; Goro guarda entro la camera, scorge Butterfly e dice a Sharpless:)

Goro
C'è. - Entrate.
(introduce Sharpless: poi torna subito fuori, e spia di quando in quando dal giardino)

Sharpless (affacciandosi, bussa discretamente contro la porta di destra)
Chiedo scusa...
(Vede Butterfly che udendo entrare qualcuno, si è mossa)
Madama Butterfly...

Butterfly (senza volgersi, ma correggendo)
Madama Pinkerton.
Prego.
(si volge, riconosce il Console e giubilante batte le mani)
Oh, il mio signor Console!

(Suzuki entra premurosa e prepara un tavolino coll'occorrente per fumare, alcuni cuscini ed uno sgabello)

Sharpless (sorpreso)
Mi ravvisate?

Butterfly (facendo gli onori di casa)
Benvenuto in casa americana.

Sharpless
Grazie.

Butterfly (invita il Console a sedere presso il tavolino: Sharpless si lascia cadere grottescamente su di un cuscino; Butterfly si siede dall'altra parte e sorride con malizia dietro il ventaglio vedendo l'imbarazzo del Console; poi con molta grazia gli chiede:):
Avi, antenati
tutti bene?

Sharpless (sorridendo ringrazia)
Ma spero.

Butterfly (fa cenno a Suzuki che prepari la pipa)
Fumate?

Sharpless
Grazie.
(e desideroso di spiegare lo scopo per cui è venuto, cava una lettera di tasca)
Ho qui...
Butterfly (gentilmente interrompendolo) Signore - io vedo
il cielo azzurro.

(dopo aver tirato una boccata dalla pipa che Suzuki ha preparato, l'offre al Console)

Sharpless (rifiutando)
Grazie.
(e tenta riprendere il discorso)
Ho...

Butterfly (depone la pipa sul tavolino e assai premurosa dice:)
Preferite
forse le sigarette americane?

Sharpless (ne prende una)
Grazie.
(si alza e tenta di continuare il discorso)
Ho da mostrarvi...

Butterfly (porge un fiammifero acceso)
A voi.

Sharpless (accende la sigaretta, ma poi la depone subito e presentando la lettera siede sullo sgabello)
Mi scrisse
Benjamin Franklin Pinkerton...

Butterfly (premurosissima)
Davvero!
È in salute?

Sharpless
Perfetta.

Butterfly (alzandosi, lietissima)
Io son la donna
più lieta del Giappone. - Potrei farvi
una domanda?

(Suzuki è in faccende per preparare il thè)

Sharpless
Certo.

Butterfly (torna a sedere)
Quando fanno
il loro nido in America
i pettirossi?

Sharpless (stupito)
Come dite?

Butterfly
Sì,
prima o dopo di qui?

Sharpless
Ma... perché?...

(Goro sale dal terrazzo del giardino ed ascolta, non visto, quanto dice Butterfly)

Butterfly
Mio marito m'ha promesso
di ritornar nella stagion beata
che il pettirosso rifà la nidiata.
Qui l'ha rifatta per ben tre volte, ma
può darsi che di là
usi nidiar men spesso.

(Goro scoppia a ridere)

Butterfly
Chi ride?
(vede Goro)
Oh, c'è il nakodo.
(piano a Sharpless)
Un uom cattivo.

Goro (ossequioso, inchinandosi)
Godo...

Butterfly (a Goro)
Zitto.
(a Sharpless)
Egli osò... No, prima rispondete
alla domanda mia.

Sharpless (imbarazzato)
Mi rincresce, ma... ignoro...
Non ho studiato ornitologia.

Butterfly
Ah! l'orni...

Sharpless
... tologia

Butterfly
Non lo sapete
insomma.

Sharpless
No.
(ritenta di tornare in argomento)
Dicevamo...

Butterfly (lo interrompe, seguendo la sua idea)
Ah, sì - Goro,
appena F.B. Pinkerton fu in mare
mi venne ad assediare
con ciarle e con presenti
per ridarmi or questo, or quel marito.
Or promette tesori
per uno scimunito.

Goro (per giustificarsi, spiega la cosa a Sharpless)
Il ricco Yamadori.
Ella è povera in canna. - I suoi parenti
l'han tutti rinnegata.

(il Principe Yamadori attraversa il giardino seguito da due servi che portano fiori)

Butterfly (vede Yamadori e lo indica a Sharpless sorridendo)
Eccolo. Attenti.
(Yamadori, entra con grande imponenza, vestito all'europea, con modi del gran mondo: dà una poderosa stretta di mano a Sharpless, da persone che si conoscono: fa un grazioso inchino a Butterfly. I due servi giapponesi depongono i fiori con grandi inchini e si ritrovano nel fondo. Goro, servilissimo, porta uno sgabello a Yamadori, fra Sharpless e Butterfly, ed è dappertutto durante la conversazione. Sharpless e Yamadori siedono)
(a Yamadori)
Yamadori - ancor... le pene
dell'amor non v'han deluso?
Vi tagliate ancor le vene
se il mio bacio vi ricuso?

Yamadori
Tra le cose più moleste
è l'inutil sospirar.

Butterfly (con graziosa malizia)
Tante mogli ormai toglieste,
vi doveste abituar.

Yamadori
L'ho sposate tutte quante
e il divorzio mi francò.

Butterfly
Obbligata.

Yamadori
A voi però
giurerei fede costante.

Sharpless (sospirando, rimette in tasca la lettera)
(Il messaggio, ho gran paura,
a trasmetter non riesco).

Goro (con enfasi, indicando Yamadori a Sharpless)
Ville, servi, oro, ad Omara
un palazzo principesco.

Butterfly (con serietà)
Già legata è la mia fede.

Goro e Yamadori (a Sharpless)
Maritata ancor si crede.

Butterfly (con forza)
Non mi credo: sono - sono.

Goro
Ma la legge...

Butterfly (interrompendolo)
Io non la so.

Goro
... per la moglie, l'abbandono
al divorzio equiparò.

Butterfly (crollando vivamente il capo)
La legge giapponese...
non già del mio paese.

Goro
Quale?

Butterfly (con forza)
Gli Stati Uniti.

Sharpless
(Oh, l'infelice!)

Butterfly (nervosissima, accalorandosi)
Si sa che aprir la porta
e la moglie cacciar per la più corta
qui divorziar si dice.
Ma in America questo non si può.
(a Sharpless)
Vero?

Sharpless (imbarazzato)
Vero... Però...

Butterfly (lo interrompe rivolgendosi a Yamadori ed a Goro trionfante)
Là, un bravo giudice
serio, impettito,
dice al marito:
"Lei vuole andarsene?
"Sentiam perché? -
"Sono seccato
"del coniugato!"
E il magistrato:
"Ah, mascalzone,
"presto in prigione!"
(per troncare si alza ed ordina:)
Suzuki il thè.

(va anche lei presso Suzuki)

Yamadori (sottovoce a Sharpless, mentre Butterfly prepara il thè)
L'udite?

Sharpless
Mi rattrista una sì piena cecità.

Goro (sottovoce a Sharpless e Yamadori)
Segnalata è già la nave
di Pinkerton.

Yamadori (disperato)
Quand'essa lo riveda...

Sharpless (pure sottovoce ai due)
Egli non vuol mostrarsi. - Io venni appunto per levarla d'inganno. - Ho qui una lettera
di lui che la riflette...

(vedendo Butterfly che si avvicina per offrire il thè, tronca il discorso)

Butterfly (con grazia, servendo a Sharpless una tazza di thè)
Vostra Grazia permette...
(poi apre il ventaglio e dietro a questo accenna ai due, ridendo)
Che persone moleste!

(offre il thè a Yamadori che rifiuta)

Yamadori (sospirando si alza e si inchina a Butterfly, mettendo la mano sul cuore)
Addio. Vi lascio il cuor pien di cordoglio:
ma spero ancor.

Butterfly
Padrone.

Yamadori (s'avvia, poi torna presso Butterfly)
Ah! se voleste...

Butterfly
Il guaio è che non voglio...

(Yamadori sospira di nuovo: saluta Sharpless, poi se ne va, seguito dai servi. Butterfly fa cenno a Suzuki di preparare il thè: Suzuki eseguisce, poi va ad accosciarsi in fondo alla camera. Goro segue premurosamente Yamadori)

Sharpless (assume un fare grave, serio, però con gran rispetto ed con una certa commozione invita Butterfly a sedere, e torna a tirarfuori di tasca la lettera)
Ora a noi. - Qui sedete.
(Butterfly, tutta allegra, siede vicino a Sharpless, che gli presenta la lettera)
Leggere con me volete
questa lettera?

Butterfly
Date.
(prende la lettera, la bacia e poi se la mette sul cuore)
Sulla bocca, sul cuore...
(rende la lettera a Sharpless e gli dice graziosamente:)
Siete l'uomo migliore
del mondo. - Incominciate.

Sharpless (legge)
"Amico, cercherai
quel bel fior di fanciulla..."

Butterfly (non può trattenersi e con gioia esclama:)
Dice proprio così?

Sharpless (serio)
Sì, così dice, ma se ad ogni momento...

Butterfly (rimettendosi tranquilla)
Taccio, taccio - più nulla.

Sharpless (riprende):
"Da quel tempo felice tre anni son passati".

Butterfly (non può trattenersi)
Anche lui li ha contati.

Sharpless (continua):
"E forse Butterfly
non mi rammenta più".

Butterfly (sorpresa)
Non lo rammento?
(rivolgendosi a Suzuki)
Suzuki, dillo tu.
(ripete come scandolezzata le parole della lettera)
"Non mi rammenta più!"

Sharpless (fra sé)
(Pazienza!)
(seguita a leggere)
"Se mi vuole
bene ancora, se mi aspetta..."

Butterfly (assai commossa)
Oh le dolci parole!
(prende la lettera e la bacia)
Tu benedetta!

Sharpless (riprende la lettera e seguita a leggerla imperterrito, ma con voce commossa)
"A voi mi raccomando
perché vogliate con circospezione
prepararla..."
Butterfly (ansiosa e raggiante)
Ritorna...

Sharpless
"al colpo..."

Butterfly (salta di gioia e batte le mani)
Quando?
Presto! Presto !

Sharpless (rassegnato piega la lettera e la ripone in tasca)
(Benone.
Qui troncarla conviene...
(crollando il capo indispettito)
Quel diavolo d'un Pinkerton!
(si alza e serissimo, guardando negli occhi
Butterfly, le dice:)
Ebbene,
che fareste, Madama Butterfly,
s'ei non dovesse ritornar più mai?

Butterfly (immobile, come colpita a morte, china la testa e dice con sommessione infantile)
Due cose potrei fare:
tornar a divertire
la gente col cantare,
oppur, meglio, morire.

Sharpless (vivamente commosso passeggia agitatissimo, poi torna verso Butterfly, le prende le mani e con paterna tenerezza le dice)
Di strapparvi assai mi costa
dai miraggi ingannatori.
Accogliete la proposta
di quel ricco Yamadori.

Butterfly (ritirando le mani)
Voi, signor, mi dite questo!

Sharpless (imbarazzato)
Santo Iddio, come si fa?

Butterfly (batte le mani; Suzuki accorre)
Qui, Suzuki, presto presto
che Sua Grazia se ne va.

Sharpless
Mi scacciate?

(e fa per avviarsi, ma Butterfly, pentita, corre a lui singhiozzando e lo trattiene)

Butterfly
Ve ne prego,
già l'insistere non vale.

(congeda Suzuki, la quale va nel giardino)

Sharpless (scusandosi)
Fui brutale, non lo nego.

Butterfly (dolorosamente, portandosi la mano al cuore)
Oh, mi fate tanto male,
tanto male, tanto, tanto!

Sharpless (commosso)
Poveretta!

(Butterfly vacilla: Sharpless fa per sorreggerla)

Butterfly (subito dominandosi)
Niente, niente!
Ho creduto morir. - Ma passa presto,
come passan le nuvole sul mare...
Ah!... mi ha scordata?
(corre nella stanza di sinistra, rientra trionfalmente tenendo il suo bambino seduto sulla spalla e lo mostra a Sharpless gloriandosene)
E questo?... e questo?... e questo
dite che lo potrà pure scordare?...

(depone il bambino a terra e lo tiene stretto a sé)

Sharpless (con emozione)
Egli è suo?

Butterfly (indicando mano, mano)
Chi mai vide
a bimbo del Giappone occhi azzurrini?
E il labbro? E i ricciolini
d'oro schietto?

Sharpless (sempre più commosso)
È palese.
E... Pinkerton lo sa?

Butterfly
No. È nato quando già
egli stava in quel suo gran paese.
(accarezza il suo bambino)
Ma voi gli scriverete che lo aspetta
un figlio senza pari!
E mi saprete dir s'ei non s'affretta
per le terre e pei mari!
(fa sedere il bimbo sul cuscino e lo bacia teneramente)
Sai tu cos'ebbe cuore
(gli indica Sharpless)
di pensare quel signore?
Che tua madre dovrà
prenderti in braccio ed alla pioggia e al vento
andar per la città
a guadagnarti il pane e il vestimento.
Ed alle impietosite
genti, la man tremante stenderà,
gridando: - Udite, udite,
la triste mia canzone.
A un'infelice madre
la carità, muovetevi a pietà!
(si alza mentre il bimbo rimane seduto sul cuscino giocando con una bambola)
E Butterfly, orribile
destino, danzerà per te!
E come fece già
la Ghesha canterà!
(rialza il bimbo e con le mani levate lo fa implorare)
E la canzon giuliva
e lieta in un singhiozzo finirà!
(buttandosi a' ginocchi davanti a Sharpless)
No! no! questo mai!
questo mestier che al disonore porta!
Morta! Mai più danzar!
Piuttosto la mia vita vo' troncar!
Ah! morta!

(cade a terra vicino al bimbo che abbraccia strettamente ed accarezza con moto convulsivo)

Sharpless (non può trattenere le lagrime)
(Quanta pietà!)
(vincendo la propria emozione)
Io scendo al piano.
(Butterfly si alza in piedi e con atto gentile dà la mano a Sharpless che la stringe con ambo le mani con effusione)
Mi perdonate?

Butterfly (al bimbo)
A te, dagli la mano.
Sharpless (prende il bambino in braccio)
I bei capelli biondi!
(lo bacia)
Caro: come ti chiamano?

Butterfly
Rispondi:
Oggi il mio nome è: Dolore. Però
dite al babbo, scrivendogli, che il giorno
del suo ritorno,
Gioia, mi chiamerò.

Sharpless
Tuo padre lo saprà, te lo prometto.

(mette il bambino in terra, fa un saluto a Butterfly, ed esce rapidamente)

Suzuki (di fuori grida)
Vespa! Rospo maledetto!

(poi entra trascinando con violenza Goro che tenta inutilmente di sfuggirle)

Butterfly (a Suzuki)
Che fu?

Suzuki
Ci ronza intorno
il vampiro! e ogni giorno
ai quattro venti
spargendo va
che niuno sa
chi padre al bimbo sia!

(Suzuki lascia Goro, il quale tenta di giustificarsi)

Goro
Dicevo solo
che là in America
quando un figliolo
è nato maledetto
trarrà sempre reietto
la vita fra le genti!

(Butterfly, furente, corre al reliquiario e prende il coltello che servì per l'Hara-kiri - suicidio per condanna - di suo padre, gridando:)

Butterfly
Ah! menti! menti!
(afferra Goro, che cade a terra, e minaccia d'ucciderlo: Goro grida disperatamente)
Dillo ancora e t'uccido!...

Suzuki (intromettendosi)
No!

(spaventata a tale scena, prende il bimbo e lo porta nella stanza a sinistra)

Butterfly (presa da disgusto, respinge Goro col piede)
Va via!
(Goro fugge. Butterfly rimane immobile come impietrita. Poi si scuote a poco a poco e va a riporre il coltello. Indi, volgendo commossa il pensiero al suo bambino:)
Vedrai, piccolo amore,
mia pena e mio conforto.
che il tuo vendicatore
ci porterà lontan, nella sua terra,
dove...

(un colpo di cannone)

Suzuki
Il cannon del porto!
(corre verso il terrazzo: Butterfly la segue)
Una nave da guerra.

Butterfly
Bianca... bianca... il vessillo americano
delle stelle... Or governa
per ancorare.
(riprende sul tavolino un cannocchiale e corre sul terrazzo: tutta tremante per l'emozione, appunta il cannocchiale verso il porto e dice a Suzuki:)
Reggimi la mano
ch'io ne discerna
il nome, il nome, il nome. Eccolo: ABRAMO
LINCOLN!
(dà il cannocchiale a Suzuki, poi in preda a grande esaltazione scendendo dal terrazzo, esclama:)
Tutti han mentito!
tutti!... tutti!... sol io
lo sapevo, io, che l'amo.
(a Suzuki)
Vedi lo scimunito
tuo dubbio? È giunto! è giunto!
proprio nel punto
che mi diceva ognun: piangi e dispera.
Trionfa il mio amor!
La mia fe' trionfa intera:
ei torna e m'ama!
(giubilante, corre sul terrazzo)
(a Suzuki che l'ha seguita sul terrazzo)
Scuoti quella fronda
di ciliegio e m'innonda il fior.
Io vo' tuffar nella pioggia odorosa
l'arsa fronte

(singhiozza per tenerezza)

Suzuki (calmandola)
Signora quetatevi: quel pianto...

Butterfly (ritorna, con Suzuki, nella stanza)
No: rido, rido! Quanto
lo dovremo aspettar?
Che pensi? Un'ora?

Suzuki
Di più.

Butterfly
Di più.
Due ore forse. Tutto, tutto sia pien
di fior, come la notte è di faville.
(accenna a Suzuki di andare nel giardino)
Va pei fior!

Suzuki (dal terrazzo)
Tutti i fior?...

Butterfly
Tutti! Pesco, viola, gelsomino,
quanto di cespo, o d'erba, o d'albero fiorì.

Suzuki
Uno squallor d'inverno sarà tutto il giardino.

(scende nel giardino)

Butterfly
Tutta la primavera voglio che olezzi qui.

Suzuki (appare sul terrazzo e sporge un fascio di fiori e fronde)
A voi signora.

Butterfly (prendendo il fascio)
Cogline ancora.

(Butterfly dispone i fiori nella stanza, mentre Suzuki ritorna nel giardino)

Suzuki (dal giardino)
Sovente a questa siepe veniste a riguardare
lungi, piangendo, nella deserta immensità.

Butterfly
Giunse l'atteso, nulla ormai più chiedo al mare;
diedi pianto alla zolla, essa i suoi fior mi dà!

Suzuki (appare nuovamente sul terrazzo con un altro gran fascio di fiori)
Spoglio è l'orto.

Butterfly (prendendo i fiori)
Qua il tuo carco.
Vien, m'aiuta.

(spargono fiori ovunque)

Suzuki
Rose al varco
della soglia.

Butterfly
Il suo sedil
di convolvi s'inghirlandi.

Suzuki
Gigli!... viole?...

Butterfly
Intorno spandi.

Butterfly e Suzuki
Seminiam intorno april.
(con leggero ondulamento di danza spargono ovunque fiori)
Gettiamo a mani piene
mammole e tuberose,
corolle di verbene,
petali d'ogni fior!

(Suzuki dispone due lampade vicino alla toeletta dove Butterfly si accoscia)

Butterfly (a Suzuki)
Or vienmi ad adornar.
No! Pria portami il bimbo.
(Comincia il tramonto)
(Suzuki va nella stanza a sinistra e porta il bambino che fa sedere vicino a Butterfly, mentre questa si guarda in un piccolo specchio a mano e dice tristamente:)
Non son più quella!
Troppi sospiri la bocca mandò,
e l'occhio riguardò
nel lontan troppo fiso.
(a Suzuki)
Dammi sul viso
un tocco di carmino...
(prende un pennello e mette del rosso sulle guance del suo bimbo)
ed anche a te, piccino,
perché la veglia non ti faccia vote
per pallore le gote.

Suzuki (a Butterfly)
Non vi movete che v'ho a ravviare
i capelli.

Butterfly (sorridendo a questo pensiero)
Che ne diranno!...
E lo zio Bonzo?
Già del mio danno
tutti contenti!
E Yamadori
coi suoi languori!
Beffati,
scornati,
spennati
gl'ingrati!

Suzuki (ha terminato la toeletta)
È fatto.

Butterfly
L'obi che vestii da sposa.
(depone il bimbo)
Qua ch'io lo vesta.
(mentre indossa la veste, Suzuki mette l'altra al bambino, avvolgendolo quasi tutto nelle pieghe ampie e leggiere)
Vo' che mi veda indosso
il vel del primo dì.
E un papavero rosso
nei capelli...
(Suzuki, che ha finito d'abbigliare il bambino, cerca il fiore e lo punta nei capelli di Butterfly che se ne compiace, guardandosi nello specchio)
Così.
(poi fa cenno a Suzuki di abbassare lo shosi)
Nello shosi or farem tre forellini
per riguardar,
e starem zitti come topolini
ad aspettar.

(Suzuki chiude lo shosi nel fondo, mentre scende sempre più la notte)
(Butterfly conduce il bambino presso lo shosi, nel quale fa tre fori: uno alto per sé, uno più basso per Suzuki e il terzo ancor più basso per il bambino, che fa sedere su di un cuscino, accennandogli di guardare attento fuori del foro preparatogli. Suzuki, dopo aver portato le due lampade vicino allo shosi, si accoscia e spia essa pure all'esterno: Butterfly si pone innanzi al foro più alto e spiando da esso rimane immobile, rigida come una statua; il bimbo, che sta fra la madre e Suzuki, guarda fuori curiosamente)

Coro (interno, lontano, a bocca chiusa)

(È notte; i raggi lunari illuminano dall'esterno lo shosi. Il bambino si addormenta, rovesciandosi all'indietro, disteso sul cuscino, e Suzuki si addormenta pure, rimanendo accosciata: solo Butterfly rimane sempre ritta ed immobile)

FINE DELL'ATTO SECONDO

ATTO TERZO

La stessa scena del secondo atto.

Butterfly, sempre immobile, spia al di fuori: il bimbo, rovesciato sul cuscino, dorme e dorme pure Suzuki, ripiegata sulla persona.

Marinai (dalla baia, lontanissimi)
Oh eh! Oh eh!
Oh eh! Oh eh!

(rumori di catene di ancore e di manovre marinaresche)
(Comincia l'alba; fischi d'uccelli dal giardino; a poco a poco spunta l'aurora e infine al di fuori risplende il sole)

Suzuki (svegliandosi di soprassalto)
Già il sole!
(si alza e batte dolcemente sulla spalla a Butterfly)
Cio-Cio-San!

Butterfly (si scuote e fidente dice:)
Verrà, verrà, vedrai.

(Vede il bimbo addormentato e lo prende sulle braccia, avviandosi verso la stanza a sinistra)

Suzuki
Salite a riposare, affranta siete.
Al suo venire, vi chiamerò.

Butterfly (salendo la scaletta)
Dormi, amor mio,
dormi sul mio cor.
Tu sei con Dio
ed io col mio dolor.
A te i rai
degli astri d'or:
dormi tesor!

(entra nella camera a sinistra)

Suzuki (mestamente, crollando la testa)
Povera Butterfly!

(Suzuki s'inginocchia innanzi al Simulacro di Budda, poi va ad aprire lo shosi)
Pinkerton e Sharpless battono lievemente all'uscio d'ingresso.

Suzuki
Chi sia?...
(Va ad aprire e rimane grandemente sorpresa)
Oh!...

Sharpless (facendole cenno di non far rumore)
Zitta! zitta!

(Pinkerton e Sharpless entrano cautamente in punta di piedi)

Pinkerton (premurosamente a Suzuki:)
Dorme? non la destare.

Suzuki
Ell'era tanto stanca! Vi stette ad aspettare
tutta la notte col bimbo.

Pinkerton
Come sapea?...

Suzuki
Non giunge
da tre anni una nave nel porto, che da lunge
Butterfly non ne scruti il color, la bandiera.

Sharpless (a Pinkerton)
Ve lo dissi?!...

Suzuki (per andare)
La chiamo...

Pinkerton (fermandola)
Non ancora...

Suzuki
Ier sera,
lo vedete, la stanza volle sparger di fiori.

Sharpless (commosso)
Ve lo dissi?...

Pinkerton (turbato)
Che pena!

Suzuki (sorpresa)
Pena!
(sente rumore nel giardino)
Chi c'è là fuori
nel giardino?
(Va a guardare nello shosi e con meraviglia esclama)
Una donna!...

Pinkerton (la riconduce sul davanti)
Zitta!

Suzuki (agitata)
Chi è? Chi è?

Sharpless
Meglio dirle ogni cosa.

Pinkerton (imbarazzato)
È venuta con me.

Sharpless (deliberatamente)
Sua moglie!

Suzuki (sbalordita, alza le braccia al cielo, poi si precipita in ginocchio colla faccia contro terra)
Anime sante degli avi!... Alla piccina
è spento il sol!

Sharpless (calmando Suzuki e sollevandola da terra)
Scegliemmo quest'ora mattutina
per ritrovarti sola, Suzuki, e alla gran prova
un aiuto, un sostegno cercar con te.

Suzuki (desolata)
Che giova?

(Sharpless prende a parte Suzuki e cerca colla preghiera e colla persuasione di averne il consenso: Pinkerton, sempre più agitato, si aggira per la stanza e osserva)

Sharpless (a Suzuki)
Io so che alle sue pene
non ci sono conforti!
Ma del bimbo conviene
assicurar le sorti!
La pietosa
che entrar non osa
materna cura
del bimbo avrà.

Suzuki
E volete ch'io chieda
ad una madre...

Sharpless (insistendo)
Suvvia,
parla con quella pia
e conducila qui... - s'anche la veda
Butterfly? non importa.
Anzi, - meglio se accorta
del vero si facesse alla sua vista.

Suzuki
Oh me trista! me trista!

(spinta da Sharpless va nel giardino a raggiungere Mistress Pinkerton)

Pinkerton
Oh! l'amara fragranza
di questi fiori
velenosa al cor mi va.
Immutata è la stanza
dei nostri amori...
ma un gel di morte vi sta.
(vede il proprio ritratto, lo osserva)
Il mio ritratto! - Svanita è l'immagine
qual foglia in chiuse pagine.
(lo depone)
Tre anni son passati - e noverati
ella n'ha i giorni e l'ore
nell'immobil fede...
(vinto dall'emozione e non potendo trattenere il pianto, si avvicina a Sharpless e risolutamente gli dice:)
Non posso rimaner; Sharpless, vi aspetto
per via.

Sharpless
Non ve l'avevo detto?

Pinkerton
Datele voi qualche soccorso...
Mi struggo dal rimorso.

Sharpless
Vel dissi... vi ricorda?
quando la man vi diede:
"Badate! Ella ci crede"
e fui profeta allor.
sorda ai consigli,
sorda ai dubbi, vilipesa,
nell'ostinata attesa
raccolse il cor.

Pinkerton
Sì, tutto in un istante,
io vedo il fallo mio e sento
che di questo tormento
tregua mai non avrò!

Sharpless
Andate, il triste vero
da sola apprenderà.

Pinkerton (dolcemente con rimpianto)
Addio, fiorito asil
di letizia e d'amor.
Sempre il mite suo sembiante
con strazio atroce vedrò.
Addio, fiorito asil,
non reggo al tuo squallor!
Fuggo, fuggo, son vil!

(strette le mani al Console, esce rapidamente dal fondo: Sharpless crolla tristemente il capo. Suzuki viene dal giardino seguita da Kate che si ferma ai piedi del terrazzo.)

Kate
Glielo dirai?

Suzuki
Prometto.

Kate
E le darai consiglio
di affidarmi...?

Suzuki
Prometto.

Kate
Lo terrò come un figlio.

Suzuki
Vi credo. Ma bisogna ch'io le sia sola accanto...
Nella grande ora - sola - Piangerà tanto tanto!

Butterfly (dall'interno della camera superiore)
Suzuki, dove sei... parla...
(appare in cima alla scaletta)
Suzuki...

(Kate per non essere vista si allontana nel giardino)

Suzuki
Son qui... pregavo e rimettevo a posto...
(Butterfly scende: Suzuki si precipita verso la scaletta per impedire a Butterfly di scendere.)
No... non scendete...

Butterfly (discende precipitosa, svincolandosi da Suzuki che cerca invano di trattenerla, poi si aggira per la stanza con grande agitazione ma giubilante)
È qui... dov'è nascosto?
(vede Sharpless)
Ecco il Console... e... dove? dove?...
(cerca dietro ai paraventi)
Non c'è!...
(vede Kate nel giardino e guarda fissamente Sharpless)
Quella donna?...
Che vuol da me? Niuno parla?...
(Suzuki piange silenziosamente)
Perché piangete?
(Sharpless si avvicina a Butterfly per parlarle; questa teme di capire e si fa piccina come una bimba paurosa)
No: non ditemi nulla... nulla - forse potrei
cader morta sull'attimo - Tu, Suzuki, che sei
tanto buona - non piangere! - e mi vuoi tanto bene
un Sì od un No - di' piano - vive?

Suzuki
Sì.

Butterfly
Ma non viene
più! Te l'han detto!...
(irritata al silenzio di Suzuki)
Vespa! Voglio che tu risponda.

Suzuki
Mai più.

Butterfly
Ma è giunto ieri?

Suzuki
Sì.
Butterfly (ha capito e guarda Kate, quasi affascinata)
Ah! Quella donna
mi fa tanta paura! tanta paura!

Sharpless
È la causa innocente d'ogni vostra sciagura. Perdonatele.

Butterfly (comprendendo, grida)
Ah! è sua moglie!
(con voce calma)
Tutto è morto per me! Tutto è finito!

Sharpless
Coraggio.

Butterfly
Voglion prendermi tutto! il figlio mio!

Sharpless
Fatelo pel suo bene il sacrifizio...

Butterfly (disperata)
Ah! triste, triste madre!
Abbandonar mio figlio
(rimane immobile e calma)
E sia.
A lui devo obbedir!

Kate (che si è avvicinata timidamente al terrazzo, senza entrare nella stanza)
Potete perdonarmi, Butterfly?

Butterfly (con aria grave)
Sotto il gran ponte del cielo non v'è
donna di voi più felice.
Siatelo sempre felice
e non vi rattristate mai per me.

Kate (andando verso Sharpless)
Povera piccina!

Sharpless (assai commosso)
È un'immensa pietà!

Kate (sottovoce a Sharpless)
E il figlio lo darà?

Butterfly (che ha udito)
A lui lo potrò dare
se lo verrà a cercare.
(con intenzione, ma con grande semplicità)
Fra mezz'ora salite la collina.

(Suzuki accompagna Kate e Sharpless che escono dal fondo)
(Butterfly cade a terra, piangendo - Suzuki si affretta a sorreggerla)

Suzuki (mettendo una mano sul cuore a
Butterfly)
Come una mosca prigioniera
l'ali batte il piccolo cuor!

Butterfly (si è riavuta e vedendo che è giorno fatto si scioglie da Suzuki dicendole:)
Troppa luce è di fuor,
e troppa primavera.
Chiudi.
(Suzuki chiude porte e tende: la camera rimane quasi in completa oscurità)
(a Suzuki)
Il bimbo ove sia?

Suzuki
Giuoca. Lo chiamo?

Butterfly
Lascialo giuocar.
(congedandola)
Va. - Fagli compagnia.

Suzuki (piangente)
Resto con voi.

Butterfly (risolutamente batte le mani)
Va - va. Te lo comando.
(fa alzare Suzuki e la spinge fuori dall'uscio di sinistra. - Poi Butterfly accende un lume davanti al reliquiario, si inchina e rimane immobile assorta in doloroso pensiero. Va allo stipo, ne leva un gran velo bianco, che getta sul paravento: poi prende il coltello che, chiuso in un astuccio di lacca, sta appeso alla parete presso il simulacro di Budda; lo impugna e ne bacia religiosamente la lama tenendola colle due mani per la punta e per l'impugnatura: quindi legge le parole che sono incise sulla lama:)
"Con onor muore
Chi non può serbar vita con onore".
(si appunta il coltello alla gola: s'apre la porta di sinistra e si vede il braccio di Suzuki che spinge il bambino verso la madre: il bimbo entra correndo colle manine alzate: Butterfly lascia cadere il coltello, si precipita verso il bambino, lo abbraccia soffocandolo di baci)
Tu, tu piccolo Iddio!
Amore, amore mio,
fior di giglio e di rosa.
Non saperlo mai
per te, per i tuoi puri
occhi, muor Butterfly
perché tu possa andare
di là dal mare
senza che ti rimorda ai dì maturi,
il materno abbandono.
O a me, sceso dal trono
dell'alto Paradiso,
guarda ben fiso, fiso
di tua madre la faccia!...
che t'en resti una traccia.
(guarda lungamente il suo bimbo e lo bacia ancora)
Addio! piccolo amor!
(con voce fioca)
Va. Gioca, gioca.
(Butterfly prende il bambino, lo mette su di una stuoia col viso voltato verso la parte di sinistra, gli dà in mano la banderuola americana ed una puppattola e lo invita a trastullarsene, mentre delicatamente gli benda gli occhi. Poi afferra il coltello, e, con lo sguardo sempre fisso sul bambino va dietro al paravento. Si ode cadere a terra il coltello, mentre il grande velo bianco sparisce dietro al paravento. Butterfly scivola a terra, mezza fuori del paravento: il velo le circonda il collo. Con un debole sorriso saluta con la mano il bambino e si trascina presso di lui, avendo ancora forza sufficiente per abbracciarlo, poi gli cade vicino. In questo momento si ode fuori, a destra, la voce affannosa di Pinkerton che chiama ripetutamente:)
Butterfly! Butterfly!

(Poi la porta di destra è violentemente aperta: Pinkerton si precipita verso Butterfly ed il bambino. Butterfly apre gli occhi e con debole gesto gli indica il figlio - e muore)

FINE